Cat Food

Leo. Teatro Argentina. Roma.


Il Teatro Argentina di Roma propone per la stagione 2015/2016 una serie di spettacoli nell’ambito de “Il Teatro fa Grande!”, per avvicinare grandi e piccoli a questo meraviglioso scrigno educativo che è il “non luogo” del Teatro.

Dal 25 gennaio a 20 febbraio 2016 va in scena Leo da un’idea di Alberto Nucci Angeli e Lorenzo Terranera, testo di Luisa Mattia e Alberto Nucci Angeli, per la regia di Francesco Frangipane, scene Lorenzo Terranera.

In collaborazione con Unicef Leo è uno spettacolo dai 5 anni.

leo_wh

Di Leonardo da Vinci conosciamo molto. Tutte le sue invenzioni, i suoi quadri, le armi, gli studi sul volo, sull’anatomia, gli indovinelli, la filosofia. Conosciamo i suoi protettori, i suoi spostamenti, le sue domande. Apprezziamo la sua incidenza nel mondo attuale. Quello che non sappiamo è: che bambino era, quali erano i suoi giochi, quali i suoi amici, cosa lo catturava?

E se dietro al più straordinario genio della storia dell’umanità non ci fosse che il più comune dei desideri?

Lo scopriamo partendo dal Castello di Clos-Lucé ad Amboise, dove un servitore di Leonardo da Vinci accoglie Lisa e Maso, chiamati dal re di Francia in qualità di amici d’infanzia del genio per risolvere un problema. Infatti Leonardo, che era sul punto di svelare al re un importante segreto, si è chiuso nei suoi pensieri e nelle sue meditazioni: ha prima smesso di parlare e poi si è allettato. Più di un medico non ha saputo dire altro che il genio di Vinci sembra tornato bambino e forse gli amici possono aiutarlo a tornare in sé. Introdotti nella camera studio di Leonardo, dove questi anziano e malato giace, Lisa e Maso vedono l’enorme armadio pieno di cassetti e sportelli che domina l’intera stanza in lungo e in largo e che conserva tutte le invenzioni e i progetti del genio. I due accortosi che con l’amico c’è poco da fare, che anche quando proferisce qualche rara parola questa è sconnessa e infantile, decidono di cercare il segreto, stando attenti a non farsi sorprendere da quello strano servitore. Ma nessuno di quei cassetti e sportelli si apre e non ci sono chiavistelli: sicuramente una diavoleria del loro vecchio amico sottintende all’apertura di quell’armadio. Leonardo si rigira nel letto e la sagoma del suo corpo lentamente si affloscia fino a scomparire e da sotto il letto ne esce fuori un bambino: Leo, che prima si stiracchia, poi si mette a fare capriole fino a che non è completamente sveglio e vispo. Quando Maso e Lisa lo notano non si accorgono della sua condizione, ma lo vedono come l’uomo anziano che giaceva nel letto, solo un po’ infantile nei modi. Ma quel bambino/vecchio vuole giocare con i suoi amici e nel farlo apre i cassetti, ognuno con una sua combinazione, cosa che induce Maso e Lisa ad assecondarlo: giocando arriveranno a scoprire il segreto.

I tre così si mettono a giocare, rievocando il loro ultimo anno a Vinci.

Cristina Capodaglio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...