Parterre e asfalto

Pasolini – Show, ovvero il consumismo delle commemorazioni


CRITICA IMPURA

Pier Paolo Pasolini in uno scatto di S. Becchetti Pier Paolo Pasolini in uno scatto di S. Becchetti

Di ALDO RICCADONNA

Ancora una volta si prepara una messinscena, che intende ribadire il business di un prodotto di mercato. Ma si tratta di qualcosa di ben più pregnante: il neocapitalismo ingloba, nelle sue possenti fauci, sempre nuove aree, prima a lui estranee, rendendole non solo fruibili come merci, ma funzionali alla sua visione del mondo: consumista, effimera, “da chiacchiera”. E così, anche le cose che non rientrano, o meglio si oppongono, vengono incanalate dentro il grande alveo del conformismo.
Quando si celebrano convegni su qualcuno, significa che questo qualcuno è ormai entrato a far parte del menage, è divenuto un ingrediente fra i tanti della salsa, un pizzico di gusto in più nella grande abbuffata. Essere promossi a vestire i panni della parata trionfale, è come diventare un granello sorridente e sottomesso, che sbircia timidamente, sotto lo scroscio di applausi…

View original post 356 altre parole

Annunci

4 thoughts on “Pasolini – Show, ovvero il consumismo delle commemorazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...