Teatro e dintorni

Fabrizia Ramondino: scrittrice in “viaggio”.


Al Teatro Argentina di Roma domani 4 giugno 2014 va in scena un ricordo di Fabrizia Ramondino.

Interverranno: Beatrice Alfonzetti, docente di letteratura italiana e attualmente Direttrice del Dipartimento di Studi greco-latini, italiani, scenico-musicali dell’Università di Roma “La Sapienza”; Siriana Sgavicchia, Docente di letteratura italiana contemporanea nell’Università per Stranieri di Perugia, Mario Martone regista teatrale, regista cinematografico e sceneggiatore italiano. Coordinatrice Novella Bellucci, docente di Letteratura italiana dell’Università di Roma “La Sapienza”. Letture di Arturo Cirillo, Anna Bonaiuto.

Fabrizia_RamondinoIl titolo metaforico si riferisce sia alla sua poetica (viaggio come ricerca) che alla dinamica appartenenza-fuga che caratterizza la sua formazione e le sue opere. Queste ultime costituiscono nel loro insieme diverse stazioni attraverso generi e codici espressivi differenti – dal diario al romanzo al teatro al cinema – di quella che la stessa scrittrice ha definito la sua «avventurosa navigazione verso l’isola di Utopia» .

Il progetto si inserisce all’interno di una serie di iniziative che hanno riattivato l’interesse intorno all’opera di Fabrizia Ramondino, evidenziandone la sofisticata ricerca stilistica come anche la ricchezza e l’autenticità dei contenuti. Fra queste si segnalano: la pubblicazione del Dossier Fabrizia Ramondino pubblicato sulla rivista diretta da Walter Pedullà  “Il Caffè illustrato” 2012, curato da Beatrice Alfonzetti, con contributi saggistici e una inedita fotobiografia; il volume del convegno tenutosi a Londra nel gennaio 2010 “Non sto quindi a Napoli sicura di casa” (ora pubblicato nella collana di Letteratura italiana della casa editrice Morlacchi di Perugia).

Fabrizia Ramondino (1936-2008), napoletana di nascita e cosmopolita per esperienza esistenziale come per formazione letteraria (è vissuta in Spagna, Francia, Italia, Germania), è autrice studiata e apprezzata più all’estero che in Italia, sebbene la sua produzione, pubblicata per lo più presso Einaudi, sia di indiscutibile qualità e di rilevante attualità. Esordiente nel 1981 con Althènopis, ha scritto diversi romanzi (Un giorno e mezzo, 1988, L’isola riflessa, 1998, Guerra d’infanzia e di Spagna, 2001, La Via, 2008), raccolte di prose e racconti (Star di casa, In viaggio, Il calore, 2004, Arcangelo e altri racconti, 2005) e un libro di poesie (Per un sentiero chiaro, 2004). Per il teatro ha scritto Terremoto con madre e figlia e per il cinema la sceneggiatura di Morte di un matematico napoletano. È autrice di diari e taccuini: Taccuino tedesco, Polisario. Un’astronave dimentica nel deserto, Passaggio a Trieste.

Cristina Capodaglio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...