Fashion We Like

Estinzione ravvicinata del Quarto Tipo.


Accessori e abbigliamento: Un allevamento dello Zimbabwe ha creato una dieta interamente vegetariana per i suoi 164.000 coccodrilli.
Padenga Holdings, situata sulle rive del lago artificiale Kariba, nel 2006 ha iniziato una graduale diminuzione della quantità di carne inserita nei bocconi somministrati agli animali: “Dal 50% siamo passati al 15%, fino al punto in cui oggi la dieta prevede zero carne e zero pesce” spiega il direttore finanziario dell’allevamento, Oliver Kamundimu.
coLa scelta, nata per esigenze di risparmio (nel Paese, a causa della crisi finanziaria e dell’inflazione astronomica, la carne scarseggiava ed era difficile da reperire) ha prodotto un sorprendente effetto: “L’operazione di nutrizione è molto più igienica, riusciamo a nutrire i coccodrilli con tutte le sostanze di cui hanno bisogno – spiega Kamundimu – ma soprattutto la loro pelle viene anche valutata di qualità migliore”. 
 
Scarpe: 118 operai di due aziende cambogiane, Shen Zhou and Daqian Textile (Phnom Penh), fornitrici di Adidas e Puma, sono rimasti intossicati a causa di emissioni nocive che ne hanno causato svenimenti e grossi problemi respiratori. Secondo la Ong Community Legal Education Center non sono casi isolati, poiché nelle scorse settimane altri 53 lavoratori di un’altra fabbrica sono rimasti intossicati dall’odore di solventi e coloranti.
(da Mdp Conceria on-line)
Cristina Capodaglio
Annunci

6 thoughts on “Estinzione ravvicinata del Quarto Tipo.

  1. Scusa, a me risultava vietata a livello internazionale la confezione di scarpe o borse o abbigliamento in pelle di coccodrillo. Ho visto quintali di borse sequestrate negli aeroporti internazionali, esibiti come monito. Non è più così?

  2. Ti ho lasciato un commento sotto l’articolo. In ogni caso ritengo mostruoso che si facciano diventare vegetariani, geneticamente modificati (?), i coccodrilli! Per non parlare dei prodotti di origine vegetale occorrenti, credo in quantità abnorme, con conseguenze immaginabili per l’ecosistema. Non c’è un limite alla speculazione?
    Il concentrato delle acquirenti in Italia è proprio la ciliegina sulla torta!

    • Il potere d’acquisto lo abbiamo noi! Quindi comandiamo noi consumatori il mercato!!
      Le donne e gli uomini che s’innamorano di questi simboli di “alta” appartenenza sono dei cretini, un po’ come accadeva e accade tuttora per le pellicce o la carne di squalo etc…

  3. Che il mercato venga comandato dai consumatori è un fatto! Che esistano leggi per regolare il mercato e anche i nostri desideri è anche un altro fatto! Perché non sono rispettate? Io ho in casa una borsa di mia nonna, di pelle di coccodrillo, che è passata dalla nonna a mia madre, e da lei a me, che anni fa la feci riattare, ma che mi son ben guardata dall’usare da almeno dieci anni, forse di più. Per me le leggi contano.

    • Un tempo si teneva molto di più agli oggetti scolpiti nell’avorio, alle pellicce a forma di tappeto o le pelli pregiate da indossare come capi o accessori…. un tempo appunto… tuttavia oggi si imita tutto e quindi se si spende migliaia di Euro per una borsa in finta pelle, purchè griffata, perchè non limitarsi ad imitare la pelle di coccodrillo e proibirne l’allevamento intensivo per il solo scopo di lucro?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...