il gallo di MEZZANOTTE

Frost/ Nixon. Genova.


In scena al Teatro della Corte di Genova dal 25 febbraio al 2 marzo 2014 lo spettacolo Frost/ Nixon di Peter Morgan.

Prodotto dal Teatro dell’Elfo e dal Teatro Stabile dell’Umbria, Frost/ Nixon (qui nella versione italiana di Lucio De Capitani) è diretto e interpretato da Ferdinando Bruni (autore anche di scene e costumi) e da Elio De Capitani, affiancati da Luca Toracca, Alejandro Bruni Ocaña, Claudia Coli, Matteo De Mojana, Andrea Germani e Nicola Stravalaci. Luci di Nando Frigerio, suono di Giuseppe Marzoli.

frostIn Frost/ Nixon va in scena un duello tra potere politico e potere dell’informazione, attraverso la ricostruzione del caso storico di televisione-spettacolo che nel 1977 vide uno di fronte all’altro il giornalista britannico David Frost (interpretato da Ferdinando Bruni) e l’ex presidente degli Stati Uniti Richard Nixon, al quale Elio De Capitani presta la sua maschera e la sua recitazione. Un match in dodici round, ricco di colpi di scena, al termine del quale Nixon capitolò, confessando la propria responsabilità nello scandalo Watergate e sancendo così una verità storica sino allora negata.
La serie di interviste che David Frost riuscì a ottenere da Richard Nixon nel 1977 (il presidente si era dimesso nel 1974) sono passate alla storia non solo per lo scoop fenomenale della confessione, ma anche – e nella società spettacolo in cui viviamo verrebbe da dire soprattutto – per l’incredibile, avventurosa costruzione del progetto. Presentatore di trasmissioni televisive d’intrattenimento popolare, Frost tentò a lungo di vendere ai grossi network americani l’idea dell’intervista, ma senza successo, anche perché nel mondo giornalistico si riteneva allora una cosa deontologicamente scorretta, se non addirittura immorale, che si dovesse pagare per ottenere un’intervista. Il tenace inglese decise quindi di sborsare di tasca propria i 200.000 dollari inizialmente necessari (l'”anticipo” richiesto da Nixon) e andò avanti da solo, rischiando tutta la sua carriera e il fallimento economico. Richiesto l’aiuto di tre colleghi (John Birt, Bob Zelnick e Jim Reston), finalmente i dodici round dell’intervista poterono andare in onda, in quattro parti, nel mese di maggio 1977, con i network costretti a sborsare cifre da capogiro per aggiudicarsi la trasmissione che tenne incollati davanti alla tv milioni di spettatori, intenti a scrutare il volto di Nixon per capire se mentiva o diceva la verità, fino al crollo psicologico finale e alla non voluta confessione.
Scritto nel 2006 da Peter Morgan, è diventato nel 2008 anche un film milionario per la regia di Ron Howard. Dopo Angels in America, Ferdinando Bruni e Elio De Capitani tornano con Frost/ Nixon a lavorare insieme per un progetto di drammaturgia contemporanea.

Cristina Capodaglio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...