Interrogarsi

Volevo solo fare Amleto.


Stasera 20 gebbraio 2014 la stagione dei Teatri di Civitanova promossa dal Comune di Civitanova Marche, dall’Azienda Teatri di Civitanova e dall’AMAT prosegue al Teatro Cecchetti con “Marche di scena” che vede protagonisti artisti della nostra regione. L’appuntamento è con Volevo solo fare Amleto di Francesca e Stefano Tosoni, spettacolo vincitore del Progetto GAME 2013 vetrina per artisti marchigiani under 35 ideato e promosso da AMAT, Teatro Stabile delle Marche, Fondazione Teatro delle Muse e Inteatro nell’ambito del progetto REFRESH! Lo Spettacolo delle Marche per le Nuove Generazioni a cura del Consorzio Marche Spettacolo.

amleto_tosoniAmleto, ovvero il teatro… perché Amleto è il teatro! – si legge nelle note della compagnia – Puoi parlare con qualunque persona di qualunque estrazione sociale, raccontare di occuparti di teatro e scommettere che, dopo pochi istanti, sorridendo a mezza bocca, quella persona inevitabilmente pronuncerà quattro parole: “Essere o non essere”. Chi è Amleto? Figlio ribelle, malinconico, arrogante, ironico, depresso, pazzo, oppure no, innamorato disilluso, amico tradito, ama e odia sua madre… ama e odia se stesso… ama e odia.

Lo hanno fatto in tutti i modi, classico, avanguardistico, psicologico, psicotico… lavorare su di Amleto è vivere, perché proprio in Amleto Shakespeare scrive che “compito del teatro è reggere lo specchio alla natura”. Ed è forse qui, che risiede il suo vero fascino: Amleto va semplicemente “fatto”! Solo così capisci che in fondo Shakespeare aveva ragione, nel teatro come nella vita, il viaggio conta assai più della meta! Noi vi raccontiamo la storia di una compagnia di scapestrati, guidati da un giovane attore-regista senza un soldo, ma con la voglia di inseguire e realizzare il suo sogno… essere Amleto almeno per una volta!”

In scena accanto a Stefano e Francesca Tosoni ci sono Pamela Olivieri e i sublimen, Mattia Camilli & Mauro D’angelo. La regia è di Stefano Tosoni, le musiche dal vivo di Fabio Capponi, i costumi di Stefania Cempini, il disegno luci di Mauro Marasà.

Cristina Capodaglio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...