Teatro e dintorni

Le Confessioni di Sant’Agostino. TAU Ancona.


Continua l’appendice autunnale del TAU/Teatri Antichi Uniti, rassegna regionale di teatro classico promossa da Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche, AMAT, Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche e i Comuni di Ancona, Ascoli Piceno, Falerone, Fano, Macerata, Monte Rinaldo e Urbisaglia.

La splendida Chiesa di Santa Maria della Piazza ad Ancona ospita l’11 ottobre 2013 il grande teatro realizzato in collaborazione con Arcidiocesi di Ancona-Osimo e Centro Culturale Miguel Mañara, che vede protagonista Sandro Lombardi con il recital Le “Confessioni” di Agostino.

lombardiSandro Lombardi, uno tra i più importanti attori del teatro italiano, dopo una pluridecennale interpretazione dei classici e l’esperienza neoavanguardista, arriva a un testo in cui emerge la grande umanità di un uomo che prima ancora di interrogarsi sull’esistenza di Dio indaga il problema della felicità e il problema dell’Io, due facce della stessa medaglia che si intrecciano a loro volta con la complessa questione dell’esistenza: essere vivi non è uno stato, ma un compito, un lavoro. Un recital-evento, una confessione della coscienza di fronte a un altro – cui per la prima volta si dà il nome di Tu – e insieme una confessione davanti a tutti gli uomini: un gesto personalissimo, e nel contempo un atto clamorosamente pubblico.

Sandro Lombardi, attore e scrittore, inizia a occuparsi di teatro negli anni settanta. Diretto da Federico Tiezzi ha interpretato testi di Beckett, Bernhard, Brecht, Cechov, Luzi, Manzoni, Müller, Pasolini, Pirandello. Di grande rilievo i suoi spettacoli testoriani, che hanno rivoluzionato l’immagine dello scrittore lombardo. Per quattro volte, tra 1988 e 2002, ha ricevuto il Premio Ubu per la migliore interpretazione maschile. Ha inciso su cd le poesie di Pasolini e l’Inferno di Dante (Garzanti), quattro monologhi testoriani (Edizioni ERI), e Destinatario sconosciuto di Kathrine K. Taylor (Full Color Sound). Le più recenti interpretazioni, unanimemente apprezzate, sono Gli Uccelli di Aristofane, 2005, Sogno di un mattino di primavera di D’Annunzio, 2007, nel ruolo che fu della Duse, Passaggio in India, di E.M. Forster, 2008, e Un amore di Swann di Marcel Proust 2012. Ha pubblicato per Garzanti Gli anni felici, romanzo di formazione, vincitore del Premio Bagutta Opera prima 2004. Del 2009 è la pubblicazione del suo primo romanzo, Le mani sull’amore, Feltrinelli.

Cristina Capodaglio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...