Cat Food

Albert Camus.


E se l’incidente stradale che è costato la vita allo scrittore francese Albert Camus il 4 gennaio 1960 non fosse stato un semplice incidente?

camus2È quanto sostiene un poeta ceco, in brani inediti del suo diario svelati dallo studioso italiano Giovanni Catelli.

Le circostanze della morte, a soli 46 anni, del celebre autore della Peste finora non avevano destato alcun sospetto.

Il bolide, una Facel Vega, che lo riportava a Parigi in compagnia del suo editore Michel Gallimard (morto anch’esso nell’incidente), si è schiantato contro un platano a 24 chilometri da Sens, in Borgogna, mentre correva a rotta di collo.

Ma non si sarebbe trattato di un incidente, bensì di un sabotaggio del Kgb, i servizi segreti sovietici. Lo studioso italiano ha reso noti degli estratti inediti del diario del poeta ceco Jan Zabrana (1931-1984). Quest’ultimo avrebbe incontrato un russo vicino al Kgb.

Ho sentito“, scrive Zabrana,”qualcosa di molto strano da un uomo che sa molte cose e che dispone di fonti ben informate. Egli afferma che l’incidente è stato causato dallo spionaggio sovietico”, che avrebbe manomesso uno pneumatico dell’auto del Premio Nobel.

Per Zabrana il mandante sarebbe Dmitri Chepilov, all’epoca ministro sovietico degli affari esteri. Quest’ultimo avrebbe punito Camus per un articolo, apparso sul giornale Franc-Tireur nel marzo 1957, nel quale lo scrittore gli attribuiva la responsabilità della pesante repressione dell’insurrezione di Budapest del novembre del 1956.

Cristina Capodaglio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...