Mostre

Firenze Museo Gucci. Cindy Sherman.


Il Museo Gucci di Firenze ospita la mostra di Cindy Sherman nel Contemporary Art Space trasformato per l’occasione in uno spazio minimal, bianco, luminoso e affacciato sulla splendida Piazza della Signoria.

L’artista è considerata una delle pioniere della fotografia come forma d’arte. In mostra ci sono fotografie della seconda metà degli anni Settanta dove il carattere della sua personale ricerca prende forma e si definisce in tutta la sua originalità.

Cindy Sherman è da sempre autrice, regista, attrice, sceneggiatrice, fotografa, protagonista, vive la sua arte in una forma di trasformismo, dando vita a una miriade di personaggi diversi.

La selezione proposta dal museo mostra il suo intrigante e surreale lavoro realizzato dalla fotografa in quegli anni di formazione dopo la laurea del 1976, quando la Sherman crea a Buffalo, insieme ad alcuni artisti, lo spazio per l’arte “Hallwalls”.

Il Museo Gucci presenta tre opere significative selezionate fra quelle realizzate durante questi importanti anni di formazione. Si tratta di “Murder Mystery” del 1976, “Bus Riders”, anch’esso del 1976 e “Doll Clothes”, del 1975. Le fotografie originali della serie “Murder Mystery” e “Bus Riders” sono andate perdute, ma nel 2000 Cindy Sherman ha ristampato questi lavori come una serie di immagini complete. Ciò che è affascinante notare in queste opere, è la meccanicità della sua metodologia di lavoro.

cindy shermanMurder Mystery People (1976-2000) è una storia raccontata attraverso personaggi stereotipati ispirati ad un immaginario film poliziesco. Il racconto è incentrato su un’attrice degli anni Trenta che si innamora del regista del film. L’immediatezza della fotografia ci restituisce i personaggi con un mix di gioia, crudeltà e umorismo. Il primo lavoro era stato sceneggiato come fosse un film e i personaggi erano mostrati come delle silhouette: 82 scene erano appese nello spazio espositivo, in una sorta di mini film.

Bus Riders (1976-2000) è una serie creata originariamente per la prima mostra Photo Bus allestita sul Metro Bus 535 di Buffalo. Interpretando le classiche tipologie di persone che si spostano con questo mezzo, la Sherman ricorre alla mostra del dettaglio per rappresentare la sua narrativa.

La pellicola animata Doll Clothes, del 1975 è incentrata sulla Sherman che interpreta una figura vestita solo con biancheria intima, mentre prova degli abiti. Una mano gigante appare nel fotogramma, afferra la silhouette, la sposta e la colloca nella custodia di plastica del libro. Geniale idea per rappresentare la donna come vista dalla società, il conformismo e la sua identità.

Cindy Sherman: Early Works
11 gennaio – 9 giugno 2013

Gucci Museo – Firenze

Cristina Capodaglio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...